Storia

Il Piceno ci sta a cuore

La produzione enologica del Piceno ha raggiunto negli ultimi anni numeri e risultati importanti, legati soprattutto al riconoscimento di vini provenienti da vitigni autoctoni: è per questo motivo che alcune realtà imprenditoriali hanno pensato di dare vita a un organismo che si ponesse l’obiettivo di difendere questo impegno. Da questa decisione, nel 2002, è nato il Consorzio Vini Piceni.

Attualmente è composto da 44 soci ordinari: si tratta di imprenditori direttamente coinvolti in una o più fasi di produzione delle DOC e DOCG tutelate dal Consorzio. Si occupano quindi di viticoltura, vinificazione e imbottigliamento, impegnandosi a rispettare il disciplinare e a condividere gli obiettivi del Consorzio.

L’anima del Consorzio Vini Piceni risiede nella missione che si propone di compiere, tanto in Italia quanto all’estero: tutelare, promuovere e valorizzare le DOC e DOCG del territorio, controllando che vengano prodotte nel rispetto del disciplinare. Ma il Consorzio Vini Piceni mira prima di tutto a informare e coinvolgere il consumatore: la produzione di qualità, infatti, assume il suo pieno valore solo in presenza di un consumatore consapevole. La passione che i soci trasferiscono nel loro lavoro è tutta volta a far apprezzare l’autenticità che i vini piceni racchiudono nelle loro sfumature.